I legumi una bella novità

Supponiamo che io voglia variare gli alimenti e non voglia gli insaccati né i formaggi né la carne la verdura cosa posso mangiare i legumi è la risposta.I legumi sono una famiglia che comprende: piselli taccole, fave, lenticchie, ceci.Sono stati considerati la carne dei poveri ricca fonte di proteine, (l’assorbimento intestinale nell’intestino della parte proteica è del 80% per i legumi ( che comunque che devono essere sempre associati ai cereali per un equilibrato apporto di amminoacidi) e del 90% della carne.

Per esempio 50 gr di lenticchie secche forniscono 12,5 gr di proteine e solo 12,5 gr di lipidi. Mentre 60 gr di carne contengono la stessa quantità di proteine ma il triplo di grassi saturi. I legumi contengono anche la lisina un amminoacido che scarseggia negli altri vegetali. E’ importante per la sintesi della carnitina una sostanza indispensabile per produrre energia all’interno dei mitocondri della cellula.

Nei legumi è vero che mancano due amminoacidi essenziali ma possono essere integrati variando l’alimentazione. Mangiando ripetutamente la carne si assumono grassi saturi deleteri ma si acidifica il sangue, il che comporta un prelievo di calcio dalle ossa .

Gli studi hanno dimostrato che un elevato consumo di legumi riduce il rischio di morte per malattie coronariche, in quanto riduce il colesterolo nel sangue indipendentemente dalla predisposizione genetica a formarlo in modo endogeno.

Uno studio clinico ha indicato che il consumo di 200 g di legumi secchi o cotti ogni giorno aiuta a contenere i livelli di colesterolo.

I legumi contengono anche fibre, che se da una parte in un intestino in disordine causano meteorismo,contribuiscono a mantene basso il livello delle LDL (negativo) e all’aumento del HDL (positivo).

Le fibre solubili presenti nei legumi rallentano la produzione del glucosio dopo il pasto e contengono i picchi di glicemia fornendo energia a lungo termine. I legumi saziano contengono i principi nutrivi preziosi con poche calorie.

I legumi contengono anche acido folico una vitamina del gruppo B (lenticchie in particolare). Un corretto livello di acido folico mantiene bassi i livelli di omocisteina che non incide così sulla possibilità di sviluppare malattie cardiovascolari.

Contengono anche calcio ,potassio e magnesio, minerali e elettroliti che agiscono sulla regolazione della pressione arteriosa.

Come si cuociono.

I legumi si lavano e poi vanno fatti ammorbidire tutta la notte in acqua. Così si cucinano prima vanno fatti bollire in acqua o nella pentola a pressione. Si sconsiglia l’uso dei legumi in scatolo perché sono ricchi di sodio.

Per migliorare la digeribilità basta frullarli. Sono ottimi aromatizzati con: alloro rosmarino semi di finocchio anice da aggiungere durante la cottura.

Le più conosciute varietà di legumi sono:

I fagioli azuchi gusto dolce che ricorda la noce.

Fagioli neri gusto ricco.

Fagioli cannellini bianchi consistenza cremosa, ottimi in insalata e nelle zuppe.

Fagiol borlotti, saporiti per minestre e zuppe oppure stufati.

Fagioli di Spagna, grandi e bianchi per piatti al forno.

I ceci sono eccellenti in insalata, con la cipolla, e con l’aggiunta di olio di oliva.

Le fave, hanno un consistenza granulosa.

Angela

Mi piace ricercare il benessere anche se amo mangiare cerco di migliorare la mia salute senza rinunciare al sapore al gusto e all'immaginazione