1

Il miele energia pronta

Il miele ha una qualità energetica superiore allo zucchero, le api lo producono attingendo a diverse piante o fiori lo  rendono un tesoro della biodiversità. I mieli differiscono tra loro per il sapore e il profumo. Sono molto profumati i mieli di lavanda, tiglio, acacia. Esistono corsi per assaggiatori e un albo dei sommelier del miele. I mieli monoflora sono bottinati ( estratti) da piante come mirto, corbezzolo elicriso acacia, agrumi, castagno eucalipto, rododendro, tarassaco tiglio.

Il miele è composto da zuccheri semplici al 90 %.  il fruttosio prevale sul glucosio.

Grazie a questi zuccheri facilmente assorbili e assimilabili il miele fornisce subito energia all’organismo: 320 kcal ogni 100 g.

L’impatto degli zuccheri sul metabolismo energetico si valuta in base all’ Indice Glicemico (IG), cioè la misura degli effetti dei carboidrati ingeriti sui livelli ematici del glucosio: un basso Indice Glicemico produce uno scarso aumento dei livelli di glucosio nel sangue. Per questo  è consigliato anche  ai diabetici che hanno una bassa tolleranza al glucosio. Lo zucchero bianco raffinato ha un indice glicemico di 68, i mieli di acacia e castagno più ricchi di fruttosio, hanno un valore compreso tra 49 e 55, molto più basso.

Il fruttosio fornisce meno calorie per chi fa attenzione allo stile alimentare è una nota interessante infatti ha  un potere dolcificante superiore al saccarosio (zucchero bianco) a parità di quantità.

Una fonte di energia così notevole è utilissima  per chi svolge attività fisica, in particolare i ciclisti, incrementandone la prestazioni più dei gel energetici a base di glucosio, che hanno comunque un IG più alto.

Il miele fino all’1800 è stato l’unico dolcificante disponibile. Ma oltre ad essere un prezioso nutrimento è stato utilizzato  come strumento terapeutico per esempio come unguento. Molte ricerche scientifiche hanno dimostrato che il miele inibisce i microrganismi potenzialmente patogeni, stimolando lo sviluppo della flora batterica intestinale utile. Contiene anche proteine, vitamine  minerali e polifenoli sostanze derivate dai fiori da cui viene estratto  che hanno potere antiossidante e antiradicalico.

Il miele che conserva le sue proprietà è quello di cui si conosce il luogo di produzione  certificato nell’etichetta. Il miele industriale è prodotto con miele miscelati di provenienza sconosciuta e anche da alveari addittivati con lo zucchero. Pastorizzato ad alta temperatura per renderlo sicuro batteriologicamente. Il prodotto finito è sicuramente privo delle proprietà nutritive e terapeutiche che ha in natura.

Angela

Mi piace ricercare il benessere anche se amo mangiare cerco di migliorare la mia salute senza rinunciare al sapore al gusto e all'immaginazione

One Comment

  1. Adoro il miele, sia con il salato che con il dolce…. Il mio pregerito rimane quello di castagno che mi piace gustare anche al posto dei soliti dolci!
    Se passi dal mio blog c’è un pensierino per te! Ciao

Comments are closed.