L’importanza delle fibre alimenari nell’alimentazione quotidiana

si intende l’insieme dei composti vegetali che non possono essere digeriti dalle secrezioni dell’apparato digerente dell’uomo.

Fonte alimentari di fibre sono le specie vegetali, anche dei cereali, che contengono 35% di fibre insolubili e il 35% di solubili il 17% una miscellanea di fibre.

Le fibre sono di due tipi

  • idrosolubili digeriti e fermentati dalla flora batterica intestinale emi –cellulosa (principale componente delle pareti delle piante, mucillagine (nell’endosperma dei semi, delle piante, nei legumi), gomma e pectina (buccia degli agrumi, della mela, e della cipolla) questo gruppo di composti fibrosi è il più benefico pur non apportando calorie alla dieta.

  • Insolubili , come la crusca di frumento, l’amido insolubili in acqua ma comunque capaci di legarla. La cellulosa non può essere digerita dall’uomo, ma è parzialmente digerita dalla microflora intestinale. Questo processo di fermentazione naturale, si verifica nel colon, il 50% della cellulosa si degrada nell’intestino nutrendolo.

In origine la dieta degli individui era ricca di fibre, perché si cibavano soprattutto di vegetali che contenevano fibre non trattate industrialmente e ricche di amido. Con l’affermarsi dell’occidentalizzazione della dieta si fa più ricca e raffinata e aumenta l’incidenza di patologie infiammatorie e degenerative.

Le fibre migliorano la funzionalità del colon. E’ importante mantenere un adeguata flora batterica intestinale. Una dieta povera di fibre è associata allo sviluppo eccessivo dei batteri che producono endotossine, (batteri nocivi), sia a una minore presenza di Lactobacillus (batteri utili) e ad di altri batteri acidofili.

La dieta ricca di fibre favorisce la crescita di acidofili. La fermentazione di fibre alimentari ad opera della flora intestinale porta alla formazione di acidi grassi che hanno importanti funzioni fisiologiche, sono fonti di energia per le cellule che rivestono il colon e dunque contribuiscono ad un corretto funzionamento.

Effetti dimostrai delle fibre.

  • Assorbono acqua aumentano la motilità intestinale

  • riducono l’assorbimento dei cibi

  • inducono sazietà

  • inducono il controllo della glicemia

  • le fibre idrosolubili riducono ipercolesterolemia

  • dose efficace dai 15 ai 40 gr

  • le fibre favoriscono la regolare funzionalità dell’intestino e la sua disintossicazione le fibre solubili, oligosaccaridi favoriscono la flora batterica intestinale. Le fibre hanno un ruolo più importante della verdura e della frutta. E in particolare quelle contenute nei cereali integrali. Il chicco cioè la sinergia tra molte sostanze diverse, svolge un ruolo cardine in una nutrizione equilibrata.

Angela

Mi piace ricercare il benessere anche se amo mangiare cerco di migliorare la mia salute senza rinunciare al sapore al gusto e all'immaginazione