Allenamento funzionale

allenamento funzionale

allenamento funzionale

L’orientamento al fitness svolge lo sguardo al passato ritorna l’allenamento funzionale cioè neuromuscolare,che pone  l’attenzione al miglioramento della postura e alla tonificazione muscolare alla prevenzione dei disturbi osteo-articolari al miglioramento dell’equilibrio.

Gli strumenti usati per allenarsi divertendosi sono diversi.
La fitball una palla in PVC ripiena aria che permette di svolgere diversi esercizi quasi in assenza di gravità, permette di rotolare saltare rimbalzare; i muscoli si allungano e si tonificano, sciogliendo le articolazioni e le tensioni muscolari.
Gli esercizi in appoggio amplificano le sensazioni corporee attivano i recettori propriocettivi stimolando tutte le contrazioni muscolari necessarie a compensare le variazioni del corpo nello spazio, migliorando l’equilibrio.
Ketterbell palla di ghisa con una maniglia, attrezzo antichissimo utilizzato dai monaci Shaolin, migliora  la resistenza muscolare. Strumento ideale per chi desidera diventare più tonico resistente, è anche  utile per perdere peso. Per le persone fuori forma si comincia con 12 Kg.

Altro attrezzo la sbarra, le  trazioni alla sbarra permettendo un allenamento multi articolate specialmente per il dorso. Le tecniche possibili sono due a presa inversa o supinata.

Entrambi gli esercizi mettono in tensione tutto il dorso in particolar modo: gran dorsale, spalla, e tricipite, adduttori delle scapole, trapezio, muscolatura profonda del dorso, in pratica tutta la schiena
Il lavoro che si va a fare rispecchia i gesti e i movimenti della vita quotidiana rendendo il corpo armonico. Essere funzionali vuol dire essere forti attivi coordinati agili e veloci elastici , infatti si acquisiscono nuovi schemi motori grazie a esperienze motorie di difficoltà crescente.Si svolge un esercizio che sollecita la muscolatura profonda che crea stabilizzazione muscolare previene gli infortuni rinfirza le articolazioni.

L’allenamento funzionale già promosso da Pilates sino dal 1912,  insegna a controllare la postura e rendere il corpo fluido. Nato in Germania da Joseph Pilates è un vero metodo perfezionato in 60 anni tanto evoluto da essere usato anche in campo riabilitativo.
Il corpo si muove come un sistema integrato,  il miglioramento ottenuto con gli esercizi riduce rigidità e tensioni, elimina i dolori alla schiena . La concentrazione richiesta per ogni movimento per tutto il corpo, aumenta la consapevolezza, l’armonia dei movimenti che  non devono essere troppo veloci.

Le respirazioni seguono i movimenti con precisione. L’obiettivo completo è unire corpo e mente in un unità dinamica e funzionale rendendo le persone consapevoli di se stesse.

Attività fisica e ossigenazione del sangue

Ci preoccupiamo di tante cose ma ci dimentichiamo dell’importanza del nostro respiro. Fare attività fisica mantenendo la concentrazione sulla respirazione migliora l’ossigenazione del sangue. Assorbire ossigeno  da parte delle cellule ed espellere anidride carbonica è un processo automatico, che innesca un processo di regolazione anche dell’acidità del nostro sangue.

L’esercizio fisico all’aria aperta, passeggiare, favorisce il metabolismo in generale, accelerando il ritmo ventilatorio contribuendo a deacificare l’intero organismo.

Ossigenazione e attività fisica

ossigenazione e attività fisica

L’effetto benefico dell’iperventilazione si manifesta con un attività prolungata, mentre attività intense inducono la produzione di acido lattico. Infatti nel plasma del sangue si dissolvono due composti. Il sodio bicarbonato e l’acido carbonico. Se aumentiamo la quantità di acido carbonico come avviene durante l’esercizio fisico, il sangue si acidifica ma se respiriamo profondamente e rapidamente per un minuto o due la concentrazione di anidride carbonica negli alveoli polmonari si abbassa rimuovendo l’anidride carbonica. Ciò significa che l’acido carbonico contenuto nel sangue perde anidride carbonica e diventa acqua. pertanto il sangue diventa meno acido e rimane più alcalino. L’organismo ha un suo equilibrio e spontaneamente mantiene un suo equilibrio acido base per mantenere sane le mucose le difese immunitarie l’apparato osteoarticolare e i tessuti.

L’attività fisica contribuisce alla nostra salute come anche il tipo di alimentazione e la gestione dello stress.

Intelligenza emotiva ritrovata che controlla le emozioni

Emersione

Il concetto di intelligenza emotiva è ben noto a chi si occupa di psicologia. Si tratta di un tipo di intelligenza collegata al controllare e usare le emozioni: essere emotivamente consapevoli e capaci, e affronatere le cose della vita con efficacia.

Tuttavia, il concetto di cui stiamo parlando qui non è semplicemente quello dell’intelligenza emotiva: è anche intelligenza spirituale, intelligenza sociale e intelligenza personale. Possiamo riferirci a questo concetto usando l’espressione “intelligenza della libertà individuale”. Continue Reading